Ardnamurchan, riuscite a pronunciarlo?

Ardnamurchan, riuscite a pronunciarlo?

Fonte Laphroaig.it


A fine Gennaio sono andato a visitare Ardnamurchan, la nuova distilleria di Adelphi che inizierà a produrre a metà Marzo.
Parliamone.


Avere la possibilità di visitare una distilleria in costruzione non è cosa comune.
Farlo in una delle zone più remote e inacessibili di Scozia pure.
Poter passare un pomeriggio intero discutendo con il distillery manager della distilleria e del mondo dello Scotch poi non ha prezzo :).



La distilleria Ardnamurchan di Adelphi, lavori in corso, location fantastica


>> Clicca sulla mappa per ingrandire

Lo scorso 28 Gennaio ho avuto la possibilità di visitare la nascente distilleria di Adelphi, la distilleria Ardnamurchan, l’impronunciabile nome proviene dalla penisola sulla costa Ovest Scozzese in cui ha posto le proprie fondamenta.

Si trova a Nord Ovest di Oban (cliccate sulla cartina qui a lato per un maggiore dettaglio), ma per giungere sino a lì durante l’inverno è bene evitare l’innevata Glencoe ed è consigliabile passare per Oban e per Fort William.
Risultato, da Edimburgo sono circa 6 ore di strada, un ora in più del tempo necessario per arrivare a John o’ Groats, la punta più settentrionale della terraferma Scozzese (e Britannica).

Bene, con queste premesse ho pensato bene di affrontare il viaggio con i mezzi pubblici … e a fine Gennaio non è proprio alta stagione.
Lasciata Islay (tappa obbligatoria), raggiunta la terraferma con il traghetto (ed il mare grosso), non è restato che prendere l’autobus per Oban, il traghetto per l’isola di Mull, il bus per Tobermory e l’ennesimo traghetto che da Tobermory porta a Kilchoan.
Missione compiuta senza ritardi o inconvenienti, sono pure riuscito ad infilare una bella e completa visita alla distilleria di Tobermory

Su Ardnamurchan niente autobus e (ho anche provato a chiedere) lì nessuno ha mai visto passare un taxi :).
Effettivamente è un angolo incontaminato di Scozia, la geologia disegnata da un imponente ex-vulcano la rende simile alla vicina isola di Skye piuttosto che alle più morbide Mull o Islay.



Graeme Bowie, distillery manager di Ardnamurchan

Non mi è rimasto che dare un colpo di telefono al distillery manager Graeme Bowie che gentilmente mi ha prelevato al terminal del traghetto e mi ha accompagnato ad una visita indimenticabile alla distilleria.
Graeme si è trasferito su Ardnamurchan con moglie e cane, ha affrontato i difficili mesi invernali e – mi ha confessato – ha apprezzato molto la mia visita perchè ho portato la prima giornata di sole dopo tanti, troppi, mesi.
Il suo curriculum è molto interessante con oltre 20 anni di esperienza nel mondo della distillazione, ultima occupazione come assistente al distillery manager per Inver House.
L’esperienza offerta da Adelphi gli ha consentito di “fare il salto”, per cui con nessun timore ha affrontato il trasferimento verso questa remota location, dove fa la spesa una sola volta al mese … con il furgone affronta il lungo viaggio verso il più vicino centro commerciale, lì spende 500 Sterline e non deve dimenticare proprio nulla .. zucchero, sale, pasta, carta igienica :).

Perchè vi riporto tutte queste informazioni “di contorno”?
Perchè Ardnamurchan non è un luogo “comune” neanche per la Scozia, e la scelta di produrre qui whisky non poteva portare alla realizzazione di una distilleria “comune”.
Ardnamurchan dovrà necessariamente essere diversa e più orientata verso la tutela del meraviglioso ambiente in cui opererà.

Prima informazione.
I lavori sono a buon punto (anche se la prima impressione è che manchino anni a premere lo START.
Adrnamurchan inizierà a distillare a metà Marzo, non importa se non tutto sarà completato, se il Visitor Centre sarà ancora senza arredo e se il piazzale sarà ancora un crocevia di artigiani.
Le prime gocce di spirito dovranno necessariamente iniziare a scorrere per dare vita a questo magico luogo e per iniziare ad accumulare botti nel magazzino.

Uno dei soci della distilleria possiede un’azienda che produce a pochissime miglia trucioli di legno per combustione.
Il legno arriva dalle wood farm di Ardnamurchan, tutte a basso impatto ambientale, e produce una sorta di pellet per combustione.
Tutta la distilleria sarà alimentata da un bruciatore a trucioli di legno e ad emissioni praticamente zero.
L’unico petrolio che “contaminerà” Ardnamurchan sarà quello del TIR settimanale che approviggionerà la distilleria di orzo e malto.

Orzo e malto. Certo, parte della produzione sarà effettuata con orzo già maltato (tutta per i blended), mentre i Single Malt saranno prodotti con orzo maltato in loco.
Piccolo il pavimento di maltaggio, piccola la pagoda (è quella di sinistra nel pannello rappresentato qui sotto), piccolissima la produzione.
La distilleria avrà una capacità di 500.000 litri di alcool annui di cui circa 150.000 saranno per il Single Malt Ardnamurchan, che verrà tutto fatto maturare in loco.

Due differenti profili, metà produzione sarà senza torba per un profilo simile a quello di Macallan.
L’altra metà sarà per un torbato con livelli ppm da South Shore di Islay, il mercato ed il mare lì di fronte lo richiedono!

Il visitor centre aprirà dopo Pasqua, sicuramente prima dell’Estate.
Vi starete chiedendo perchè aprire subito il VC … mica ci toccherà bere new make spirit maturato per 2 settimane in botti di Merlot o cose del genere?!?!
No tranquilli, Ardnamurchan partirà ereditando tutti i pregiati imbottigliamenti di Adelphi, oggi uno tra i migliori imbottigliatori indipendenti di Scozia.
Non sarà comodo come andare a bersi un dram in un pub di Glasgow, ma l’esperienza – con la visita alla distilleria e la vista sul mare – sarà sicuramente di valore assai superiore.

Per il resto le foto qui di seguito raccontano meglio di 1000 parole.
Una coppia di piccolissimi alambicchi in una still house con panorama mozzafiato, impianti quasi tutti completati ed in attesa delle ultime autorizzazioni e dei test di avvio.

Grandissima la disponibilità di Graeme, che insieme all’assistente Mark Armin Giesler guiderà la distilleria.
Mark che avevo incontrato il giorno prima su Islay a Kilchoman (con John Maclellan) ed a Laphroaig (con John Campbell) dove stava tentando di “carpire” ai distillery manager i segreti del maltaggio delle due distillerie.
Fantastico, riuscite ad immaginare in Italia un guru del vino che racconta i suoi segreti ad un potenziale concorrente?
Lassù è la norma.

In bocca al lupo ragazzi, dai cambiate il nome alla distilleria ed il successo sarà sicuro ed immediato :).
A proposito, come si pronuncia?!?!?

Maggiori informazioni su www.adelphidistillery.com e nella brochure di presentazione del progetto.

PS Il consulente che ha avviato il progetto della distilleria è sempre il mitico Dr.Jim Swan che ho appena citato nell’articolo su Kavalan, per lui tutto sembra essere facile.


Prima di lasciarvi ad un piccolo racconto fotografico voglio condividere con voi il viaggio in traghetto di ritorno a Tobermory … siamo al tramonto e che tramonto!!!!
La degna conclusione di una giornata indimenticabile.


La distilleria Ardnamurchan (28/01/2014)



Il traghetto da Tobermory ad Ardnamurchan


L’arrivo a Kilchoan, Ardnamurchan


Il pannello del progetto, ecco come sarà la distilleria a lavori ultimati


La distilleria Ardnamurchan, work in progress, manca la pagoda … e poco altro


Il logo della distilleria Ardnamurchan di Adelphi, si parte a metà Marzo 2014


Il piccolo mash-tun


Gli wash-back (quelli di legno)


I due piccoli alambicchi della distilleria …


… e i condensatori fuori dalla still-house


La vetrata della still-house con la meravigliosa vista sul mare di Ardnamurchan


Graeme Bowie, distillery manager di Ardnamurchan, svela la nuova spirit safe


Il piano inferiore della warehouse


Il piano superiore della warehouse


Il bruciatore di trucioli di legno, il cuore ecologista della distilleria


Il visitor centre della distilleria, che aprirà prima dell’estate 2014


La vista dalla distilleria Ardnamurchan, livello di urbanizzazione quasi lunare


Uno dei tanti scorci mozzafiato della penisola di Ardnamurchan

Contact to Listing Owner

Captcha Code