Chi siamo

Il club nasce dalla spinta propulsiva di Claudio Riva, instancabile divulgatore e conoscitore profondo della Scozia, già noto per diverse iniziative tra cui il fan club “I Love Laphroaig” (laphroaig.it) e per essere uno dei motori della web community SingleMaltWhisky.it. Ad affiancare Claudio vi è un’altra conoscenza del web e di diversi festival e degustazioni, Davide Terziotti, autore del blog “Angel’s Share” (angelshare.it).

Il club si prefigge lo scopo di divulgare cultura e conoscenza per i distillati di qualità attraverso eventi, corsi, festival, attività editoriale tutto vissuto con massima convivialità e condivisione. Non secondariamente verranno rilasciate piccole selezioni di whisky e distillati. Il club si è già attivato nello stringere accordi e convenzioni con esercizi commerciali, bar, ristoranti in giro per l’Italia, in modo da creare una comunità non solo virtuale ma con un forte radicamento sul territorio, valorizzando i tanti publican ed esercenti con un’offerta di qualità, magari poco noti ma sempre guidati dal desiderio di fare cultura.

Claudio spiega lo “spirito” del club: “Un whisky club non è certo una novità e credo nemmeno quello che andremo a fare; abbiamo voluto principalmente convogliare e strutturare tutte le attività che facevamo già da diversi anni e cercare di consolidare ed espandere una rete di appassionati, ma anche di professionisti del settore, che è già in essere ma in cui vediamo grandi potenzialità di sviluppo. Non scordiamoci che, cosa sconosciuta ai più, l’Italia ha un patrimonio di imbottigliatori, selezionatori e collezionisti unico al mondo, tutti da conoscere e riscoprire. Il nostro approccio sarà quello di svestire completamente i prodotti e la divulgazione dal marketing, focalizzandoci principalmente verso i contenuti. Ovviamente, oltre ai contenuti, vorremmo riempire di ottimo whisky il maggior numero di calici possibili, considerato che il club dovrà essere inclusivo e non esclusivo”.

Davide evidenzia come il mondo del whisky in Italia stia entrando nell’era 2.0: “Dopo il periodo d’oro ma pionieristico degli anni ’60 e ’70, il mercato si è via via consolidato, la schiera di appassionati e del consumo si è assottigliata e si è creato un piccolo vuoto generazionale. Col nuovo Millennio sembra soffi un vento nuovo, vento ben intercettato dalla nostra comunità di whisky blogger e dai festival italiani. Viaggiando in giro per l’Italia, conoscendo appassionati ed organizzando degustazioni mi sono sempre reso più conto di quanto la conoscenza del distill

ato sia cresciuta negli ultimi anni e di quanta sete di conoscenza ancora resti da soddisfare. In un mercato ancora con ampi margini di miglioramento la collaborazione tra tutti è fondamentale, una marea crescente alza tutte le barche”.

Whisky Club Italia
Numero verde 800.145588
Email dram@whiskyclub.it

14.000 members!